FANDOM


Questo articolo, Alan Wake (romanzo) si riferisce al libro di Rick Burroughs. Per il gioco vedi Alan Wake.
100px-Form Onenew
Pensi di essere Dio? Di poterti inventare tutto ciò che vuoi?!
Questo articolo o parte di que​sto articolo contiene spoiler o qualunque altro tipo​ di informazioni.
Sei stato av​vertito...
Alan Wake novel
Alan Wake è un romanzo di Rick Burroughs, basato sull'omonimo video game. È stato rilasciato il 25 Maggio 2010.

TramaModifica

Il libro racconta la stessa trama del gioco, anche se si differenzia su alcune cose.

SinossiModifica

Benvenuti a Bright Falls, un posto idilliaco nel Nord­-Ovest del Pacifico.

Questo è il luogo perfetto per rilassarsi qualche settimana per Alan Wake, famoso scrittore di gialli, e sua moglie, Alice. Un rimedio forse per sbloccare la crisi creativa dello scrittore e riassaporare una seconda luna di miele.

Ma quando Alice scompare in circostanze misteriose, Wake inizia una disperata ricerca che lo porterà in un inferno simile a quello che solo la sua fervida immaginazione avrebbe potuto descrivere.

Nelle profondità del vicino lago Cauldron, una presenza oscura e malevole si è risvegliata dopo un lungo sonno e sta trasformando i tranquilli abitanti di Bright Falls in assassini senza coscienza, i Posseduti.

Il viaggio di Alan Wake lo porterà sull’orlo della follia, ad affrontare una storia che non ricorda di aver scritto.

Differenze dal GiocoModifica

  • Sul traghetto per Bright Falls, Mott sta fissando la coppia, e viene notato da Alice. "C'è un tizio inquietante che ci guarda", dice. Alan cammina verso Mott, chiedendo se avesse un problema, ma Alice lo ferma. Questo è un perfetto esempio del brutto carattere di Alan.
  • Lungo la strada verso il cottage, Alan ed Alice si fermano per guardare quello che pensano sia un UFO nel bosco.
  • Alan lascia un biglietto sul parabrezza dell'auto dopo essersi svegliato.
  • Ci sono più informazioni sul passato dell'agente Nightingale.
  • I fratelli Anderson hanno un ruolo più importante.
  • Il finale è diverso: Alice incontra sulla riva lo seriffo Breaker, che sembra aspettarla. Alice piange quando dice allo seriffo che pensa che Alan non tornerà. Poi crede di sentire in lontananza la voce di Alan che dice "Non è un lago, è un oceano".

CuriositàModifica

  • In copertina, il volto di Alice può essere visto tra le increspature del lago (sotto il riflesso di Alan).
  • In copertina, i riflessi nel lago sembrano alberi, ma in realtà sono persone.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.